Le regole per un buon Fantacalcio


{CAPTION}

Ormai non è più ne un passatempo ne più un fenomeno passeggero ma una vera e propria mania. Il Fantacalcio ormai è un gioco, se così si può chiamare, che coinvolge ogni anno migliaia e miglia di appassionati che si improvvisano manager per costruire al meglio la loro rosa. L'asta estiva, così come quella invernale di riparazione, ormai è un vero e proprio rito, con buona pace di fidanzate e mogli varie anche se bisogna dire che anche una buona fetta di fantacalcisti è formato dal gentil sesso. Ore e ore passate in spiaggia passate a leggere le ultime news di mercato per poi presentarsi all'asta super preparati con schemi degni delle bande di bollinger  e lunghe liste di papabili acquisti per non sbagliare le scelte. Negli anni, visto che ne sono passati più di venti dalla sua invenzione, sono stati anche scritti libri e manuali sul tema, noi invece saremo molto più sintetici limitandoci a darvi qualche semplice dritta e consiglio su come costruire al meglio la propria squadra.

Il manager che è in noi

Fermo restando che alla fine ha ragione sempre chi vince e che anche nel Fantacalcio una buona dose di fortuna serve sempre, alcune accortezze è sempre bene prenderle. Iniziando dai portieri dove fare economia di crediti, soprattutto se si è in più di 8, non è mai una scelta saggia. Quello che può sembrare un ruolo non primario invece spesso fa la differenza, visto che un Buffon prende mediamente 30 gol in meno di altri portieri, tutti punti che partita dopo partita sommati iniziano a pesare. In difesa invece, visto anche che ultimamente in Italia di grossi fenomeni anche in fase di realizzazione, vedi il miglior Maicon o il miglior Lichtsteiner, si può provare a risparmiare qualcosa puntando su titolari sicuri magari terzini. Gli uomini di fascia infatti sono più propensi a sfornare assist che sono sempre preziosi, mentre i centrali riescono a rendersi pericolosi solo sulle palle inattive. A centrocampo invece la qualità non deve mancare. Gli incontristi alla Medel possono essere utili in quanto titolari fissi ma, oltre a segnare poco, sono spesso soggetto ad ammonizioni e non vale la pena spenderci troppo. Con la moda del 4-2-3-1 e del 4-3-3 dove gli esterni offensivi sono centrocampisti invece al momento c'è l'imbarazzo della scelta su chi scegliere : magari nel dubbio un centrocampista che calcia anche i calci da fermo e i corner alla fine porta sempre qualche punto in più per gli assist. Infine gli attaccanti, dove si deve avere ben chiaro su chi puntare, sperando poi che sia la sua stagione. Inutile prendere 5 o 6 attaccanti forti, se ne possono schierare solo 3, quindi spendere crediti anche per il centrocampo e puntare su un duo offensivo, cercando poi di completare il reparto con altri giocatori di seconda fascia che però, se azzeccati, possono risultare decisivi.