Che cos’è il Tiro a Segno?


Il Tiro a Segno è uno sport che ha radici e tradizioni molto antiche e si compone di ben undici specialità olimpiche tutte con caratteristiche differenti, tra le quali le più diffuse sono carabina, pistola e bersaglio mobile. Il Tiro a Segno, come tutti gli altri sport, è inserito nel programma dei Giochi della Gioventù.

In base alla specialità che si sta eseguendo vengono disposti dei bersagli alla di stanza di dieci, venticinque e cinquanta metri. Il Tiro a Segno è una disciplina che richiede una grande destrezza e una notevole capacità tecnica, in quanto, sono richiesti al corpo dei movimenti precisi che coinvolgono sia dagli organi che dagli apparati neurosensoriali in grado di controllare i muscoli corporei.

La cura dell’arma per il tiro a segno

Le armi che usa il tiratore nel suo sport, devono essere sempre curate dal punto di vista meccanico, bisogna considerare che si sta parlando di armi da fuoco e, pertanto, bisogna adottare tutte le precauzioni necessarie.

In tutte le attività sulla linea di tiro, il consiglio, è sempre quello di maneggiare le armi con l’otturatore aperto o senza otturatore che, solo al momento del puntamento e dello sparo, si può chiudere. Questo perché, oltre ad una maggiore sicurezza, l’apertura dell’otturatore, dà la possibilità al commissario di tiro, di controllare che non siano presenti colpi nella canna della pistola.

Quando l’arma viene riposta e non adoperata bisogna avere cura di tenerla sempre pulita e oleata con un velo di lubrificante per prevenire la formazione della ruggine e facilitare lo scorrimento di otturatore e scatto. Inoltre, la canna va sempre pulita con una bacchetta in ottone, che non rovina la rigatura, insieme a feltrini adatti in cotone o flanella imbevuti leggermente di olio. Però, almeno una volta al mese, bisognerebbe dedicarsi ad una pulizia più accurata con l’utilizzo di un buon spiombatore.

Quando si trasporta, l’arma, va riposta in una valigetta rigida che la protegge da eventuali urti e permette di inserire al suo interno anche l’otturatore, il calciolo e gli altri accessori; sicuramente il posto meno adatto è il sedile accanto a voi o, peggio, il bagagliaio dell’auto!

Come entrare a far parte di questo mondo

L’età minima per praticare il Tiro a Segno inizia a dieci anni, anche se fino a diciotto anni, o quattordici con l’autorizzazione dei genitori, si può sparare solo con armi ad aria compressa.Per iniziare a far parte di questo mondo bisogna andare alla più vicina Sezione per espletare le formalità per l’iscrizione e poi frequentare un poligono a Roma. Infine per partecipare alle gare federali bisognerà essere iscritto all’Unione Italiana Tiro a Segno.